L'architettura ceca

Se i vostri messaggi non si addicono ad alcuno dei forum qui sopra, questo è il posto che dovreste visitare.

Moderators: Dana, Lorenzo

User avatar
martina72
Senior Member
Posts: 1048
Joined: 02-Apr-08 17:13

Postby martina72 » 16-Oct-09 21:38

I colori dominanti degli edifici di Zlin sono bianco, rosso e verde :wink:
Ulisse
Senior Member
Posts: 570
Joined: 02-Feb-06 22:06
Location: Italia

Postby Ulisse » 16-Oct-09 21:58

Davvero?
Allora, se e' cosi', possiamo fare un gemellaggio con l'Italia, no? :D
User avatar
martina72
Senior Member
Posts: 1048
Joined: 02-Apr-08 17:13

Postby martina72 » 16-Oct-09 22:00

E sai xkè?
Ulisse
Senior Member
Posts: 570
Joined: 02-Feb-06 22:06
Location: Italia

Postby Ulisse » 16-Oct-09 22:08

Beh, no. Non ne ho la minima idea :(
User avatar
martina72
Senior Member
Posts: 1048
Joined: 02-Apr-08 17:13

Postby martina72 » 17-Oct-09 20:55

Come ho già detto in un post precedente, gli edifici hanno lo scheletro in cemento armato costituito da pilastri e travi a vista, gli spazi sono riempiti con i mattoni rossi, senza l'intonaco, le finestre sono quasi sempre verniciate di colore verde. Si costruiva partendo dal progetto base, con piccole modifiche secondo la funzione che ogni edificio doveva svolgere. Queste soluzioni architettoniche sono state scelte per ridurre al minimo i costi di realizzazione.

Una curiosità...oggi molti di questi edifici sono stati ristrutturati cercando naturalmente di riprodurre fedelmente l'aspetto originale. Capita, che qualcuno nota di quanto sia esteticamente bello il colore verde delle finestre, ammirando il gusto estetico di Bata e di suoi architetti. Ebbene, la vernice verde è stata scelta semplicemente perchè all'epoca era il colore che costava di meno :wink:
Ulisse
Senior Member
Posts: 570
Joined: 02-Feb-06 22:06
Location: Italia

Postby Ulisse » 12-Apr-10 22:14

Salve ragazzi. In attesa di tempo libero per scrivere ancora qualcosa sui film, vorrei scrivere due righe sul paesino di Holašovice.
Tutto è nato lo scorso venerdi quando, all'Istituto Culturale Ceco, sono venuto in possesso di numerosi opuscoli sulla Rep. Ceca.
La descrizione di questo paesino mi ha incuriosito molto perchè le sue case appartengono, architettonicamente parlando, al Barocco popolare. Questo dice l'opuscolo.
Riporto qua di seguito un riassunto della descrizione che il libricino ne fa. L'inizio della descrizione è veramente carino, leggete un pò.

"Holašovice è un paese. La vera dominante di un paese è la piazza. Holašovice è quindi un paese perfetto, poichè la sua piazza è uno splendido spazio dominante, o meglio, l'unico spazio urbanizzato. Al di là di esso esiste solo l'elemento paesaggistico naturale con cui l'attività creativa dello spirito umano è in simbiosi. Lo spazio della piazza è elemento unificante dei suoi quattro lati ed allo stesso tempo è elemento disgregante, poichè la piazza è estesa e rivela che ogni casa e cascina è un unicum isolato, a se stante, che non si lega troppo ai suoi vicini.
Il ritmo regolare dei frontoni, dei portoni, dei tetti delle singole case è esempio della disciplina dei suoi costruttori, susseguitisi dal XIII al XIX secolo, ed il disegno delle bianche facciate, con le decorazioni degli stucchi è un documento eccezionale del Barocco popolare, boemo meridionale.
Holašovice è stata iscritta nella lista del patrimonio mondiale culturale e naturale dell'UNESCO".

E qua termina la descrizione. Aggiungo qualche foto per rendere un pò l'idea generale del paesino.

P.S.: Martina, ero indeciso su dove postare questo mio intervento. Inizialmente volevo postarlo nella sezione "Consigli e suggerimenti per viaggiare".
Alla fine l'ho postato qua, visto che riguarda comunque l'architettura.
Ma attendo tue impressioni in proposito. Davvero sono un pò indeciso. Se hai una idea migliore fammi sapere che lo sposto.

Image

Image

Image
User avatar
martina72
Senior Member
Posts: 1048
Joined: 02-Apr-08 17:13

Postby martina72 » 13-Apr-10 17:51

Sì, direi che va bene postarlo in questo topic, trattandosi di un esempio del tipico villaggio boemo. Pero' dovresti aggiungere altre informazioni perchè anche la storia di questo paesino è molto interessante! :wink:

E poi ti vorrei proporre di aprire un topic speciale sull'Istituto Culturale Ceco dove ci informeresti delle loro attività, che ne dici?
Ulisse
Senior Member
Posts: 570
Joined: 02-Feb-06 22:06
Location: Italia

Postby Ulisse » 13-Apr-10 20:32

Quando avrò un attimo libero cercherò di trovare qualche notizia storica su questo delizioso paesino :)
Per quanto riguarda il topic sull'Istituto Culturale Ceco...già l'ho creato tempo fa, nella sezione "Cultura" :wink:
La iniziativa temporalmente più vicina sarà una mostra di disegni. Magari scrivo sul topic il link, così chi è interessato potrà dare una occhiata.
Non so fino a che punto sarà utile, visto che l'Istituto Culturale Ceco si trova a Roma. L'occasione di andarci sarà buona solo per i residenti nella capitale (o zone limitrofe). Difficilmente chi abita lontano da Roma avrà modo di andarci.
User avatar
pierre
Senior Member
Posts: 1120
Joined: 31-Jul-05 19:50
Location: italia

Postby pierre » 13-Apr-10 21:09

Due anni fa sono stato ad Holasovice (Holaschowitz) facendo un giro per Cesky Krumlov, Ceske Budejovice, Hluboka.
Una regione veramente bella da visitare sia dal punto di vista architettonico (molti castelli) che paesaggistico (laghi , laghetti) ed è ricchissima di riferimenti storici interessanti.
In particolare Holasovice è un piccolo insediamento di costruzioni poste su due file, una di fronte all' altra, questo tipo di insediamento è già estremamente particolare e inconsueto. E' facilmente raggiungibile, dista pochi chilometri da Ceske Budejovice, una quindicina direi. Questo insediamento e' molto più antico di quello che possiamo vedere ora, risale al 1200 circa, ora non so quanto sia variato da allora. Ha una storia tragica incredibile, poco dopo il 1500 arrivò la peste e ridusse la popolazione a soli due individui. Siccome questo insediamento apparteneva ai monaci cistercensi, questi lo ripopolarono con coloni provenienti dalla Baviera e dall' Austria, quindi divenne essenzialmente un villaggio di lingua tedesca in mezzo ad un enclave a lingua ceka. Il villaggio fu abbandonato nuovamente dopo la seconda guerra mondiale questo ha permesso che rimanesse intatto nella sua architettura e disposizione. E' stato recuperato dopo il 1990 e poi ripopolato nuovamente ed è stato designato dall' UNESCO patrimonio dell' Umanità da pochi anni.
User avatar
martina72
Senior Member
Posts: 1048
Joined: 02-Apr-08 17:13

Postby martina72 » 17-May-10 18:36

Ciao di nuovo, credo che dopo il funzionalismo dovremmo parlare di realismo socialista, c'è qualcuno che ha voglia di darmi una mano?? :wink:

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests